L’aeroporto di Schiphol è di nuovo nel caos: le file si estendono ben oltre le sale partenze e la gente furibonda sta postando da ore immagini e Tweet indignati suo social.

La causa della folla è la carenza di personale di sicurezza, afferma un portavoce dell’aeroporto. “Il problema è che la security è poca rispetto al previsto. Di conseguenza, i passeggeri non possono fluire correttamente”.

Gli aggiornamenti giornalieri sul sito di Schiphol affermano che è un giorno di punta nelle sale partenze e arrivi, dice NOS.

Secondo l’aeroporto, il caos durerà per tutto il giorno. “Stiamo lavorando con tutte le nostre forze per risolvere i problemi”.

Schiphol ha avuto problemi a far fronte alla folla per mesi: i primi disagi sono iniziati alla fine di aprile, quando con le vacanze di maggio, quando l’aeroporto ha notato una fuga in massa del personale addetto ai bagagli.

Da allora, la folla è continuata. Per accogliere le richieste del personale, i dipendenti hanno ricevuto un extra di 5,25 EUR lordi all’ora. La cosiddetta indennità estiva si applicava, tra gli altri, alle guardie di sicurezza, agli addetti alle pulizie e al personale di assistenza a terra.

Con la fine del periodo estivo, tuttavia, è scaduta anche l’indennità e tanto la security quanto il resto del personale, non vuole lavorare alle vecchie condizioni, afferma all’agenzia di stampa ANP il sindacato FNV. “L’indennità estiva ha aiutato a far fronte ai problemi in estate, ma non ha contribuito a far scomparire i problemi in modo sostenibile”, ha affermato il responsabile della campagna FNV presso Schiphol Joost van Doesburg.

I lavoratori, con un mini extra di 1,40euro l’ora, sta cercando altro ma l’aeroporto non sembra intenzionato a far diventare gli aumenti strutturali: la prospettiva dello scalo è di ridurre il numero di voli.