Il primo ministro Rutte ritiene che sia ancora troppo presto per pensare a possibili dimissioni del governo a causa del rapporto molto duro sulla questione degli assegni per l’infanzia. “Non voglio ancora trarre conclusioni”, ha sottolineato il premier nella sua conferenza stampa settimanale. “È ancora troppo presto per dire qualcosa al riguardo.”

Il rapporto della commissione parlamentare rileva che i principi fondamentali dello Stato di diritto sono stati violati, scrive NOS: il rapporto è pesantissimo con giudici, funzionari pubblici, Tweede Kamer  e ministri.

In una prima reazione, Rutte ha parlato ieri di un rapporto “feroce” e “giusto” e ha ripetuto quelle parole oggi nella sua conferenza stampa. “Queste sono persone innocenti. Possiamo solo vergognarci.”

Rutte ha detto che vuole prima leggere attentamente il rapporto e esaminerà ciò che deve essere migliorato in futuro per evitare che i cittadini restino intrappolati di nuovo in regole ingiuste volute dal governo.

La questione delle dimissioni non è stata ancora discussa. “Non lo escludo, ma sarebbe in seguito”, ha detto Rutte. Dice che vuole fare tutto “passo dopo passo”. Secondo lui, bisogna prima fare in modo che i genitori ricevano i soldi il prima possibile.

Il premier nega di reagire con troppa leggerezza alla relazione. “Solo perché studieremo il rapporto non significa che lo esamineremo  basta. Ci vorrà molto tempo”, ha tagliato corto.

NOS ricorda che in passato, per rapporti che inchiodavano alle responsabilità la politica, i governi si dimettevano: il secondo governo Kok è caduto nel 2002 a del ruolo olandese nella caduta di Srebrenica. I ministri Donner e Dekker si sono dimessi nel 2006 dopo un rapporto sulla responsabilità del governo in un incendio in un centro di detenzione a Schiphol.