NL

NL

Scandalo sussidi in Olanda, conclusioni “dolorose” della Commissione

mystic_mabel, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

La commissione parlamentare d’inchiesta in Olanda incaricata di indagare sulle politiche antifrode e sui servizi pubblici ha pubblicato oggi il suo rapporto finale. Il rapporto dovrebbe fornire una visione su come sia stato possibile che lo scandalo dei sussidi

La commissione d’inchiesta parlamentare è stata istituita in seguito a una precedente indagine sullo scandalo dei sussidi, la cui relazione, intitolata “Unprecedented Injustice”, ha portato alle dimissioni del terzo governo Rutte all’inizio del 2021.

Durante l’autunno del 2023, la commissione ha interrogato diversi (ex) politici, alti funzionari e dirigenti di organizzazioni operative. Il primo ministro dimissionario Mark Rutte è stato interrogato due volte, una volta per testimoniare il suo ruolo di ex sottosegretario agli Affari Sociali e una volta per il suo mandato come primo ministro.

Anche le vittime dello scandalo dei sussidi in Olanda hanno avuto la possibilità di parlare, come la madre beneficiaria dei sostegni Dulce. Le audizioni hanno evidenziato come nel corso degli ultimi decenni il pensiero sulla sicurezza sociale sia cambiato e si sia posto l’accento sulla prevenzione delle frodi e degli abusi. Allo stesso tempo, sono state ridotte le risorse per le organizzazioni operative e i servizi pubblici sono stati fortemente digitalizzati.

L’accento sul contrasto alle frodi ha portato a un’ineguaglianza nel trattamento dei cittadini, con rigide leggi antifrode che costringevano gli operatori a essere severi anche con chi commetteva errori nei loro reclami. I risultati di queste politiche sono stati emersi durante le audizioni delle persone colpite da questo approccio aggressivo. Le testimonianze hanno raccontato di madri al limite per lo scandalo dei sostegni e di coppie che ancora oggi lottano con le conseguenze di una battaglia lunga e iniqua con l’Agenzia delle Entrate. Gli interrogatori hanno a volte suscitato emozioni intense.

Dei membri originali della commissione, solo il presidente attuale Michiel van Nispen (SP), Senna Maatoug (GroenLinks-PvdA) e Thierry Aartsen (VVD) sono ancora in carica. Gli ex presidenti Salima Belhaj (D66), Farid Azarkan (DENK), Evert-Jan Slootweg (CDA), Lammert van Raan (PvdD) e Sylvana Simons (BIJ1) non sono più parlamentari, dice NOS.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli