Source pic: screenshot Tweedekamer.nl

Il primo ministro uscente e leader del VVD Rutte ha ammesso di aver parlato del deputato CDA Omtzigt con le negoziatrici anche se, in precedenza, aveva sostenuto il contrario. “Non ricordavo bene”, avrebbe si sarebbe giustificato con la Tweede Kamer.

Rutte ha riconosciuto che si trattava di un errore. “Mi sono ricordato di aver sbagliato in seguito e me ne rammarico molto”, ha detto il premier. Ma nega di mentire. Questa mattina è emerso dai documenti di formazione diffusi che Rutte aveva suggerito alle negoziatrici  di nominare Omtzigt ministro.

Il leader del PVV Wilders pensa che il leader del VVD Rutte abbia mentito “duramente” e che dovrebbe andarsene. Subito all’inizio del dibattito sulla formazione, ha presentato una mozione di sfiducia contro Rutte.

“Rutte ha cercato di disinnescare un membro del Parlamento che funziona in modo eccellente”, ha detto Wilders. Secondo il leader del PVV, Rutte è “ubriaco di potere”, ma la verità è lì, evidente. Wilders ha detto che lo stesso Rutte dovrebbe cercare una posizione altrove. E ha chiesto nuove elezioni.

I parlamentari di maggioranza e opposizione sono stati durissimi con Rutte: poco plausibile la sua difesa e troppe le “dimenticanze”.

Kaag ha detto che il danno è stato fatto e ha aggiunto che negli ultimi anni è emerso un “modello di dimenticanza”: “Nella più grande crisi che abbiamo mai avuto nei Paesi Bassi, come si può ripristinare la fiducia che è stata nuovamente danneggiata?”

Rutte ha ripetuto di avere un ricordo sbagliato della conversazione con le negoziatrici, ma secondo lui ciò che è affermato nel testo è “esattamente la posizione del VVD”. E ha aggiunto che il VVD non aveva idea di cosa dovrebbe fare Omtzigt dopo le elezioni.

Inoltre, il premier uscente ha riconosciuto di aver parlato con il leader del CDA Hoekstra di un possibile incarico ministeriale per Omtzigt in un futuro gabinetto prima del suo colloquio con le negoziatrici. “Ho detto a Hoekstra che il VVD non ha obiezioni a Omtzigt come ministro, se questo fosse il desiderio del CDA. L’unica spiegazione che ho è che era nella mia testa, ma non me lo ricordo. ”

Rutte ha anche detto di essere incredibilmente deluso dal corso degli eventi.