I partiti che compongono la giunta di Den Haag , VVD, D66 e GroenLinks non vogliono continuare a lavorare con Hart per Den Haag / Groep de Mos e oggi pomeriggio hanno annunciato di aver tolto la fiducia alla lista locale, primo partito alle ultime elezioni.

Martedì, su richiesta del Pubblico Ministero, la polizia nazionale ha perquisito case e uffici del vice sindaco, di un assessore e di un consigliere del Group de Mos e di tre imprenditori dell’Aja. Le accuse sono corruzione, turbativa d’asta e abuso d’atti d’ufficio.

A causa dell’indagine, gli assessori Richard de Mos e Rachid Guernaoui erano stati sollevati dalle funzioni anche se la loro formazione parlava di “complotto”.

I gruppi politici di VVD, D66 e GroenLinks scrivono in una dichiarazione congiunta che “credono che L’Aia debba poter contare soprattutto su un’amministrazione cittadina onesta. Il governo della città ha un ruolo esemplare in termini di integrità e non possiamo essere all’altezza della città nell’attuale composizione della coalizione “.

I partiti scrivono inoltre che “le discussioni su questo argomento oggi con Hart voor Den Haag / Groep de Mos e il comunicato stampa da loro rilasciato, che parlava di “diffamazione” e “complotto” hanno portato alla decisione di porre fine all’attuale cooperazione.

VVD, D66 e GroenLinks sono giunti a questa decisione il giorno di una riunione municipale aggiuntiva sulla questione. “Riteniamo importante che stasera si svolga un dibattito sulla situazione che si è creata e ci rendiamo conto che in seguito dovremo lavorare duramente su una maggioranza stabile che possa contare su numeri concreti nel consiglio comunale dell’Aia”, hanno affermato i tre partiti della coalizione.