Imbarazzo al museo di Escher, in mostra quasi solo riproduzioni

Secondo un reporter del Volkskrant, la mostra di Escher in het Paleis, a l’Aia sarebbe costituita principalmente da riproduzioni.

Il curatore della fondazione MC Escher Mark Veldhuijsen e il direttore del Escher in het Paleis Benno Tempel si rimbalzano la responsabilità.

Da una parte, la fondazione dice di non essere stata informata delle riproduzioni, mentre il museo afferma che il loro utilizzo fosse stato concordato con firma del contratto.  “La licenza per i lavori di Escher ammette l’uso di riproduzioni solo in caso  gli originali siano danneggiati” afferma Veldhuijsen e aggiunge che non è lecito affittare gli originali ad altri musei per esporre le riproduzioni a l’Aia.
Il direttore del museo si difende informando dell’esistenza di un cartello posto all’entrata della mostra che avvisa i visitatori delle riproduzioni. Il Volksrant tuttavia non ha potuto verificare l’esistenza di tale informazione.

 

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli