Il governo ha stanziato 320 milioni di euro per finanziare programmi di formazione e campagne di reclutamento nel tentativo di coprire i numerosi posti vacanti nel settore sanitario.

La scorsa settimana, l’agenzia statale per il lavoro UWV ha dichiarato che la sanità olandese dovrà coprire 130.000 posti solo quest’anno e non ci sono candidati.

Attualmente più di un milione di persone sono impiegate nei servizi d’assistenza, il 23% delle quali però supera i 55 anni e si avvicina all’età pensionabile. Gli ospedali, le case di cura e i servizi di igiene mentale si trovano ad affrontare una tra le più grandi carenze di personale.

I ministri della Salute Hugo de Jonge e Bruno Bruins, mercoledì in una riunione tra deputati, hanno detto che sperano di riportare il personale al 100% entro il 2022. I fondi saranno assegnati su base regionale.