La compagnia aerea low-cost Ryanair è stata condannata a pagare ad otto piloti olandesi somme comprese tra € 380.000 e € 480.000 da un tribunale dei Paesi Bassi, per concludere una disputa contrattuale tra la società e il personale.

La corte ha anche accettato di sciogliere gli otto contratti dei piloti dal 1 ° maggio, sostenendo che non vi è alcuna probabilità di un “proseguimento intenzionale” e che Ryanair è la causa dell’attuale situazione.

La disputa risale allo scorso anno dopo la decisione di Ryanair di chiudere la sua base all’aeroporto di Eindhoven, dove i piloti scioperavano per protestare contro il trattamento pensionistico e la riduzione nei benefit offerti dalla compagnia.

Il tribunale distrettuale di Den Bosch decise allora che la chiusura della base era una ritorsione perchè priva di premesse concrete.