NL

NL

Roze in Blauw è il nucleo LGBTIQ friendly della polizia in Olanda

Nella polizia in Olanda esiste un nucleo denominato Roze in Blauw che rappresenta una rete di agenti che lavora per la comunità LGBT. I membri della rete sono spesso parte della comunità, ma non è un requisito. A Amsterdam, Roze in Blauw conta circa 100 persone, di cui 20 attive. La rete funge da punto di contatto per segnalare incidenti legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere e offre supporto agli agenti della comunità arcobaleno.

Le attività di Roze in Blauw includono il fornire supporto alle vittime di violenza o discriminazione, fungere da punto di contatto per domande riguardanti casi con un “retroscena arcobaleno” e facilitare lo scambio di esperienze tra agenti della comunità arcobaleno. Non è un’unità separata della polizia di Amsterdam e non dispone di risorse come veicoli o uffici dedicati.

La principale sfida per Roze in Blauw è la mancanza di personale, che limita la capacità di rispondere efficacemente alle segnalazioni.

Roze in Blauw nasce da due diverse iniziative di singoli agenti di polizia ma già dal 1989 esisteva una rete interna alla polizia che si occupava di questioni arcobaleno.  Dal 2014, ogni unità di polizia dei Paesi Bassi ha ricevuto un ufficiale di contatto da Pink in Blue e sono state istituite squadre Pink in Blue anche a Rotterdam, Paesi Bassi centrali e Paesi Bassi orientali.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli