CoverPic:@Brigade Piron, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Il Royale Belge andrà presto incontro a una riqualifica. L’edificio sarà trasformato in uno spazio con ristorante, hotel e centro sportivo. Una trasformazione radicale, annunciata dal Segretario di Stato per l’Urbanistica e il Territorio di Bruxelles, Pascal Smet.

Negli anni, l’edificio a forma di croce degli architetti René Stapels e Pierre Dufau, ha sfiorato destini diversi. Uno di essi era diventare la nuova Ambasciata statunitense, ma si rivelò presto un progetto infattibile. Infatti, per includere i vetri antiproiettile, sarebbe stato necessario stravolgere l’intero aspetto del Royale Belge.

Adesso invece, saranno apportate modifiche a tutto l’edificio e ai parchi adiacenti, ma sarà mantenuto il suo spirito di fondo. Tanto che Smet ha sottolineato che:

La parola chiave di questo progetto è: “qualità”. Non solo perché si sta operando una fusione tra architettura e tradizione, ma anche per tutto ciò che sta ridonando a questo grande edificio un fresco e rinnovato inizio.