Lo studente di 22 anni arrestato con l’accusa di terrorismo, dopo l’allerta del mese scorso a Rotterdam, è stato rilasciato. Jimmy F rimane sospettato, dicono gli ufficiali.

Il 22enne, studente universitario, sostiene di essere stato vittima di un malinteso: i messaggi inviati dal sito Telegram avevano lo scopo di trascinare in trappola dei jihadisti, dice il suo avvocato Karianne Bal ha riportato al Volkskrant.

Il presunto jihadita è stato arrestato da un’unità antiterroristica, dopo la soffiata da parte della guardia civile spagnola riguardo un possibile attentato a Rotterdam, durante il concerto della band americana Allah-Las il 23 agosto. La minaccia era talmente verosimile che il sindaco Ahmed Aboutaleb aveva cancellato l’evento.

F, che studia “safety and security management” dice di aver scoperto minacce concrete riguardo il concerto di Rotterdam ed ha contattato il Telegram.

Secondo il Volkskrant, Jimmy F è membro del gruppo internazionale online Syria General il cui obiettivo è scovare terroristi e dare informazioni riguardo i loro spostamenti e i loro rapporti con la polizia e il servizio di sicurezza. Il gruppo si dice abbia legami con la Russia, e supporti il presidente della Siria Assad.