The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Rotterdam, agente doganale sospettato di traffico di droga

I pubblici ministeri hanno affermato che un funzionario doganale ha messo in pratica un piano per importare centinaia, se non migliaia di chilogrammi di cocaina nei Paesi Bassi. Se condannato, dovrebbe trascorrere 12 anni in prigione.

L’uomo 39enne di Rotterdam, Hassan O., è stato arrestato quando 1.516 chilogrammi di cocaina, valutata tra 68 e 91 milioni di euro, sono stati trovati nascosti tra una spedizione di manghi nel porto di Rotterdam. La settimana scorsa in tribunale, i pubblici ministeri hanno affermato che O., sposato e con due figli, ha usato i sistemi interni dell’amministrazione per designare la spedizione come un container marittimo che aveva già superato i controlli anche se la nave doveva ancora attraccare al porto di Rotterdam.

Ciò renderebbe più semplice lo scaricamento del container senza incidenti, poiché sembra che abbia già superato i controlli. Il sospetto è stato in grado di approvare le spedizioni contenenti stupefacenti come mezzo per aggirare l’ispezione nel porto, hanno affermato i pubblici ministeri. “Ciò ha permesso ad altri di recuperare questo container pieno di cocaina senza impedimenti”, ha dichiarato il Servizio della Procura.

La spedizione di febbraio non è stata un incidente isolato: i pubblici ministeri affermano che i messaggi sul telefono crittografato di Hassan O. mostrano che spesso l’uomo lasciava passare container marittimi senza ispezione. “Il container che alla fine è stato intercettato sembra essere stato la punta dell’iceberg”, ha affermato il procuratore nella sua dichiarazione di chiusura.

Sei mesi dopo il suo arresto, i pubblici ministeri hanno dichiarato di aver ricollegato il nome utente del computer di O. a un container marittimo del dicembre 2018 pieno di banane dall’Ecuador. Il container era stato contrassegnato come “passato ai controlli” prima che la nave che lo trasportava fosse effettivamente arrivata. Dozzine di scatole sono state rapidamente portate fuori dal container da una compagnia sconosciuta quando il container marittimo è stato scaricato a terra. Poco dopo è stato  portato un cane da fiuto per controllare il container. Sebbene il cane abbia indicato di aver raccolto l’odore di qualcosa di sospetto, la droga non è stata rintracciata.

L’avvocato dell’uomo al momento dell’udienza di agosto aveva sostenuto che era possibile che altri agenti doganali avessero abusato dei dettagli di accesso di O. per compiere il misfatto. Il suo attuale avvocato, Ruud van Boom, ha continuato sulla stessa linea di difesa, affermando che se fosse stata installata una videocamera sui computer utilizzati dagli impiegati doganali, ciò dimostrerebbe che il suo cliente non era coinvolto. Ha chiesto un’assoluzione per tutte le accuse.

Dopo 18 mesi, i pubblici ministeri e gli investigatori non sono ancora stati in grado di legare O. a beni ottenuti illegalmente o somme insolite di denaro. “Ma è difficile immaginare di fare qualcosa del genere senza ottenere soldi per questo. Forse i soldi dovevano ancora arrivare o sono stati fatti sparire”, ha affermato il procuratore in tribunale, secondo il quotidiano AD.

Per il suo sospetto ruolo nel traffico di droga, compresa la contraffazione e la corruzione ufficiale, i pubblici ministeri hanno chiesto un verdetto di colpevolezza e una condanna a 12 anni di carcere. “Il sospettato è stato nominato funzionario pubblico per proteggere i nostri confini da queste dannose influenze esterne. È più che riprovevole il fatto che abbia minato quella sicurezza”, ha affermato il procuratore in chiusura, secondo una dichiarazione dell’OM.Nel fare ciò, ha danneggiato l’integrità del suo datore di lavoro, dei colleghi e del porto di Rotterdam.” Un verdetto nel caso è dovuto il 7 agosto.