I nuovi dati settimanali del contagio sono preoccupanti, afferma Susan van den Hof di RIVM. “Fino ad ora, abbiamo visto un aumento particolarmente marcato tra gli studenti delle scuole superiori. Ora vediamo un aumento in tutte le fasce di età degli adulti. E’ preoccupante perché se c’è più distribuzione tra gli anziani, i tassi di ammissione in ospedale possono aumentare. Lo abbiamo già visto prima: aumentano i contagi tra i giovani che poi lo trasmettono ai loro genitori, entro poche settimane “.

RIVM prevede un picco di ricoveri  all’inizio del nuovo anno, sia nei reparti infermieristici che nelle unità di terapia intensiva. “Ci aspettiamo di vedere l’effetto del Natale, prima del 12 gennaio. E se il tasso di ricoveri aumenta, potrebbe essere necessario estendere il lockdown. Abbiamo bisogno di pazienza finché non saranno state vaccinate un numero sufficiente di persone”.

Secondo Van den Hof, è necessaria una ricerca approfondita sulla nuova variante del Covid che sta circolando in Inghilterra ed è stata rintracciata anche nei Paesi Bassi:”Per indagare meglio, il numero di campioni che vengono testati per il codice genetico è raddoppiato, da 500 a 1000 a settimana. Questa è una piccola parte del numero totale di infezioni. È anche allo studio se il vaccino funziona contro la nuova variante”.