La terza ondata sarà più breve e il numero di ricoveri in IC inferiore, secondo la nuova prognosi RIVM, scrive NOS basando le sue stime su calcoli che ha potuto vedere Nieuwsuur.

Questa nuova prognosi è stata discussa da RIVM venerdì scorso e sarà mercoledì prossimo in parlamento durante il briefing RIVM alla Tweede Kamer.

Il 19 marzo,  RIVM pensava ci sarebbe stato un picco intorno al 1 maggio, con circa 1.400 persone in terapia intensiva ma le nuove stime puntano al ribasso: secondo il nuovo grafico dello scorso venerdì, 2 aprile, l’Istituto di Sanità si aspetta che il picco arrivi a metà aprile. In totale ci sarebbero quindi circa 800 persone in terapia intensiva, molte meno rispetto ai modelli di due settimane fa.

Marc Bonten, membro dell’OMT, dice a Nieuwsuur di essere soddisfatto delle previsioni, ma di avere delle riserve. Secondo lui, questa nuova indagine è il risultato del fatto che il numero di contagi nelle ultime settimane “non è andato fuori dai binari”.

Se una o più di questi parametri dovessero cambiare, la situazione tenderà a peggiorare, dice Bonten che non vede ancora un’opportunità per un allentamento, in parte perché la ratio R è ancora superiore a 1.