NOS, nel suo colloquio settimanale con Jaap van Dissel, direttore  RIVM, e Jacco Wallinga, dirigente dell’Istituto di sanità, parlano di buone notizie sulle vaccinazioni dagli Stati Uniti: i vaccini di Pfizer / BioNtech e Moderna non solo proteggono bene dal Covid-19, ma sembra anche riducano significativamente il rischio di trasmissione del virus.

Van Dissel: “Bene, quella ricerca in realtà non dice nulla al riguardo. Lo studio riguarda la misura in cui il vaccino offre protezione contro il contagio da Covid-19”. Hanno partecipato sanitari e i risultati sembrerebbero buoni, dice Van Dissel, ma lo studio è per ora in fase intermedia di verifica e non è possibile trarre conclusioni definitive, dice NOS.

Van Dissel: “È un ottimo studio, con risultati preliminari promettenti. Ma l’interpretazione che ne ha dato anche NOS va troppo oltre. Lo studio dimostra che questi vaccini sono efficaci. ” E’ ora allo studio se effettivamente i vaccini prevengano la diffusione del virus: secondo Van Dissel questo sembrerebbe essere il caso ma è presto per dirlo con certezza.

Quali sarebbero i limiti dello studio? Van Dissel dice a NOS: “Per dimostrare che la vaccinazione riduce anche la trasmissione, devi mostrare che una persona vaccinata infetta effettivamente meno persone, in un ambiente in cui incontri anche persone non vaccinate. E questo non è stato il caso “.

Per ora, quindi, prudenza dice il capo dell’Istituto di sanità olandese. La questione AstraZeneca, il vaccino sospeso perché provocherebbe trombosi, non era stata ancora affrontata da RIVM quando è stata condotta l’intervista. Wallinga dice alllora: “Nella mortalità dei gruppi più anziani e anche nel numero di infezioni segnalate in quei gruppi, si vede sicuramente già un effetto delle vaccinazioni. Ma nel valore R, il numero che indica quante persone vengono contagiate, l’effetto non è ancora veramente evidente. Sono principalmente i gruppi più giovani a diffondere il virus e non è ancora il loro turno per la vaccinazione. Le differenze nella ratio R che vedete ora sono normali fluttuazioni “, dice Wallinga.