Secondo gli esperti di RIVM, nell’intervista periodica alla tv di Stato NOS, un vaccino, in presenza di una ratio di contagi R poco sopra 1, potrebbe fare la differenza per abbassare l’indice, dicono  Jaap van Dissel e Jacco Wallinga a NOS.

NOS ha parlato con loro della complessità di una buona strategia con i vaccini e di come saranno i prossimi mesi. Il numero di infezioni è diminuito drasticamente nelle ultime settimane anche se, nei giorni passati, la curva sembra in risalita:  “Come ci aspettavamo. L’ultima volta non potevamo dire esattamente come sarebbero andate le misure di ottobre. Ora possiamo. Per il resto, resta da vedere se il trend continuerà e se il comportamento delle persone rimarrà tale “.

Proprio come l’aumento è aumentato in modo esponenziale, anche la diminuzione è diminuita in modo esponenziale. I primi risultati sono importanti, e in crescita esponenziale; gli altri saranno più lievi e ad un certo punto, potrebbe esserci un’inversione di tendenza, dicono gli esperti.

Quando si parla di ricoveri ospedalieri, il calo non sembra rispettare il trend del calo dei contagi, dice NOS. Wallinga risponde che al momento, la situazione è meno chiara che con i contagi e in effetti, i ricoveri potrebbero non seguire lo stesso andamento positivo.

RIVM ritienche la chiusura di teatri, cinema e biblioteche sia avvenuta solo per precauzione: il parametro R, infatti, era già sotto 1. Se il calo dovesse stabilizzarsi, RIVM suggerirà al governo le sperimentazioni per riaprire horeca ed eventi.

Se lunedi l’indice fosse sotto 0,91  “potremmo provare a utilizzare i progetti pilota per capire se il settore della ristorazione può riaprire a determinate condizioni”, dice Van Dissel, preoccupato che un rilassamento delle misure possa far risalire il numero di contagi.

Se rimangono in vigore le misure relative alla dimensione del gruppo, sarà possibile festeggiare il Natale con la famiglia? Per Van Dissel, potrebbe essere previsto un regime “speciale” per i giorni di Natale, considerando le restrizioni al numero di ospiti a casa.

Quanto alla politica sui vaccini, una volta che fossero sul mercato, cosa intende fare il governo?  “Dipende da quanti vaccini avremo. Se saranno pochissimi, potrebbero non avere molto effetto sui contagi”. Se fossero pochi, chi dovrebbe scegliere il governo? ” Dipende molto dallo scopo della vaccinazione. E dipende molto dal contesto: le misure sono ancora valide? Quanti vaccini sono disponibili? Qual è la volontà di vaccinare? Tutti questi presupposti possono garantire che una strategia sia migliore di un’altra “.

La politica sui vaccini sarà tanto complessa quanto lo è quella attuale sulle misure; NOS si chiede se, ad esempio, 4 milioni di vaccini somministrati possano mostrare effetti significativi: “Potrebbe essere. Il problema pratico è che gli studi sui vaccini non sono progettati per dire se la vaccinazione porta a una riduzione delle infezioni. Avrà un impatto sulla trasmissione dei contagi? Vedremo”, dice Wallinga.