The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

RIVM ancora scettica sulle mascherine obbligatorie: impatto irrilevante sul numero di contagi

Davvero “per molto tempo i Paesi Bassi sono sembrati il ​​villaggio gallico del fumetto di Asterix. Vale a dire “un villaggio che ha coraggiosamente continuato a resistere alla dominazione”, in questo caso di paesi dove le mascherine sono indossate in pubblico? Con questa metafora gallica, NOS racconta -più che altro- “degli ultimi giapponesi” anche se l’Olanda, a guardare bene, ha tutt’altro che capitolato.

“È una svolta notevole”, ha detto il giornalista politico Wilco Boom. Perché il nostro Paese è uno degli ultimi in Europa a introdurre un simile consiglio o obbligo, circa sette mesi dopo l’inizio della crisi -corona. “; advies of verplichting invoeren, avviso o obbligo, in realtà non è proprio la stessa cosa. 

Secondo Boom, Rutte ha ceduto alla pressione proveniente dalla società e dal parlamento, spiega a Nieuwsuur e su NPO Radio 1. “Il motto del governo è adesso: se tutti lo vogliono, lo faremo”.

Ma in questi mesi, ricorda NOS, i tentennamenti del governo e di RIVM, che tutt’ora mantiene la linea dello scetticismo sull’efficacia delle mondkapjes, sono stati diversi. “Abbiamo i migliori esperti e sono attenti alle ultime scoperte. A volte vediamo mutare le intuizioni scientifiche. Al momento i nostri esperti dicono: non è necessario”, erano le parole di Rutte ad aprile.

Van Dissel, anche quando il governo ha introdotto l’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici è rimasto scettico:  l’effetto delle maschere non mediche su treni e autobus è molto limitato; fermerebbero al massimo il 5-10% dei contagi, aveva detto al parlamento. Secondo NOS, ancora a luglio, RIVM insisteva: le mascherine non hanno effetti rilevanti e allo stesso tempo non aiutano a migliorare il mantenimento delle distanze.

Ancora oggi, l’Istituto di sanità rimane sostanzialmente scettico: le mascherine non hanno un impatto rilevante sulla diffusione del virus e sulla percezione del pericolo.