L’enorme opera urbanistica che avrebbe dovuto “interrare” la tangenziale di Amsterdam e ampliare la stazione del distretto commerciale di Zuidas subirà ritardi a causa di una errata stima iniziale sui costi, ha detto il ministro delle infrastrutture.

I commissari del governo, l’esecutivo e la società ProRail sono “preoccupati” e attualmente sono impegnati in un intenso piano di monitoraggio, ha detto il ministro.

La complessità del piano Zuidasdok, atteso originariamente per il 2028, è una delle ragioni principali del ritardo. A febbraio è emerso che la fase di progettazione avrebbe richiesto un anno in più del previsto e ora anche quel programma è sotto pressione.

I ritardi potrebbero avere conseguenze sulla fattibilità finanziaria del progetto. “Un piano integrale buono e completo richiede più tempo del previsto, i costi di costruzione aumentano e si devono apportare modifiche ai contratti”, ha affermato il ministro.

Più sicurezza sulla pianificazione e sui costi saranno dati solo dopo che la fase di pianificazione iniziale sarà stata completata, ha detto il ministro, aggiungendo che l’obiettivo è quello di andare avanti con il progetto dopo l’estate.

Un consorzio composto dal gruppo olandese Heijmans, dall’americano Fluor e dal tedesco Hochtief ha vinto il contratto preliminare per il progetto da € 1,4 miliardi nel 2017.