Un sedicenne di Amsterdam e un gruppo di amici hanno lanciato un’iniziativa per chiedere al comune di preservare le Amsterdammertjes in città. La municipalità ha attuato una politica di rimozione negli ultimi dieci anni ma i giovani pensano si tratti di un accessorio urbano irrinunciabile nella capitale

Le Amsterdammerjes sono quelle colonnine poste ai lati delle strade di Amsterdam, con funzione sia decorativa che di ostruzione al “parcheggio selvaggio”. Per i residenti storici della capitale hanno il valore affettivo che in Italia hanno i sampietrini (per i residenti, un po’ meno per le sospensioni delle auto).

Nel 1984 c’erano all’incirca 100.000 Amsterdammertjes nelle strade per separare il marciapiede dalla strada ma negli ultimi anni le colonnine sono scomparse a un ritmo vertiginoso.

“Secondo me è una vergogna. L’Amsterdammertjes nella sua versatilità – molti sono imbrattati o distorti – in realtà simboleggia la versatilità di Amsterdam stessa “, afferma l’attivista sedicenne Noams ad At5.

Il comune condivide la preoccupazione ma non può garantire che le colonnine rimarranno tutte al loro posto.