Indietro tutta: il governo olandese ha cambiato la sua opinione sui rimborsi dei biglietti aerei e ora chiederà alle compagnie aeree e alle agenzie di restituire i soldi ai viaggiatori che ne facessero richiesta, ha confermato la ministra dei trasporti Cora van Nieuwenhuizen giovedì.

L’inversione a U segue la lettera inviata a 12 paesi dell’UE dalla Commissione europea in cui si ricorda che ai sensi del diritto comunitario i passeggeri hanno diritto a un rimborso anziché a un buono. Inoltre, la commissione ha elaborato un elenco di raccomandazioni per convincere i passeggeri ad accettare i voucher.

La Van Nieuwenhuizen ha dichiarato nel suo briefing di fare ancora appello ai clienti affinchè vengano incontro alle società. La Commissione europea ha suggerito ai governi di tutelare i voucher dall’eventuale bancarotta delle società e di offrire ai clienti maggiore flessibilità rispetto a quella garantita attualmente dalle condizioni contrattuali.