di Gaia Guglielmucci

 

I giardini del Rijksmuseum si arricchiscono di nuovi ed insoliti alberi. Sono quelli ‘firmati’ da Giuseppe Penone, lo scultore italiano in esposizione dal 10 giugno al 2 ottobre nel celebre museo di Amsterdam. In totale 22 opere, di cui 18 installate all’esterno, nell’ambito della quarta edizione delle mostre che il Rijksmuseum ospita nel proprio giardino.

Nato a Garessio in provincia di Cuneo nel 1947, Penone, artista poliedrico, nelle sue realizzazioni gioca con elementi vivi e con ciò che offre la natura: acqua, pietre e soprattutto alberi, che poi sono quelli che la fanno da padrone in questa esposizione. Celebri i tronchi che vengono intagliati e su cui lo scultore spesso interviene cambiandone il processo di crescita.

Fra i suoi lavori in mostra, si segnalano il monumentale Cedro di Versailles, che ha trovato posto nell’atrio del Rijksmuseum, Albero folgorato (nella foto in alto nel corso di una esposizione a Firenze), che si dipana in dodici metri di altezza e un tronco sui cui rami sono state inserite delle sfere di granito. Inoltre, nuove composizioni presentate in anteprima ad Amsterdam come Spine d’acacia Pelle di grafite-fronte realizzata con immagini  della superfice della fronte dello stesso autore che, in molte delle sue opere parte da (e modifica) il suo stesso corpo. Vedi il caso dell’enigmatico Rovesciare i propri occhi del 1970.

PENONE Rovesciare i propri occhi dett.preview
Rovesciare i propri occhi, 1970

Fra i primi esponenti del movimento Arte Povera, Penone utilizza materiali non convenzionali come rame, pece e cera. I suoi lavori diventano il più delle volte vere e proprie performance dirette a mostrare il rapporto dell’uomo con la natura e le possibili interazioni con questa. Considerato a livello internazionale tra i più grandi scultori dell’ultimo secolo, Giuseppe Penone ha esposto in celebri spazi come il Centro Pompidou di Parigi, il Moma di New York, la Biennale di Venezia (ha rappresentato l’Italia nel 2007) fino appunto al Riksmuseum di Amsterdam; dove il prossimo 10 giugno la mostra verrà aperta con una lezing  dove sarà presente lo stesso autore.

La mostra, a ingresso gratuito, è collegata  al workshop per bambini Crea la tua opera: un laboratorio in cui  i più piccoli sono invitati a comporre ispirandosi ai lavori di Penone.