Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha approvato Giovedì delle sanzioni contro sei uomini, 4 libici e due eritrei, considerati i signori del traffico di esseri umani dalla Libia. Con la misura inedita di un divieto globale di spostamento e il congelamento dei beni è la prima volta che un gruppo di trafficanti viene inserito in una lista simile.

La proposta è arrivata dopo l’indignazione per il video della CNN che ritraeva l’esistenza di un mercato di schiavi in Libia. La risoluzione invia un chiaro messaggio, ha detto il ministro degli esteri olandese Stef Blok in una dichiarazione. La proposta è giunta dall’Olanda che attualmente presiede il Consiglio di Sicurezza.

I Paesi Bassi, sostenuti da Francia, Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti, il mese scorso hanno chiesto al comitato per le sanzioni di agire contro i sei individui, scrive ReutersLe sanzioni sono entrate in vigore giovedi dopo che la Russia ha dato il via libera.

“Finalmente alcuni stati hanno smesso di giocare in politica e queste sanzioni sono significative”, ha dichiarato su Twitter l’alto funzionario dell’UNHCR, Vincent Cochetel. “È un buon inizio”, ha aggiunto l’inviato speciale dell’UNHCR per il Mediterraneo centrale. “Altri dovrebbero seguire.”

Gli uomini sanzionati sono quattro libici, tra cui un capo della guardia costiera regionale e capo della milizia, e due cittadini eritrei.

Una risoluzione che sollecita azioni più severe per reprimere la tratta di esseri umani e la schiavitù moderna in tutto il mondo è stata approvata dal Consiglio di sicurezza a novembre. Tutti i paesi hanno sostenuto un obiettivo di sviluppo U.N. di porre fine alla schiavitù entro il 2030.