Rifugiati, in Olanda ristabiliti i controlli frontalieri. Indecisione a Bruxelles

L’Olanda ha ristabilito i controlli alle frontiere senza aver ufficialmente sospeso Schengen, mentre i Marechaussee pattuglieranno, dalla parte dei Paesi Bassi, i confini con Belgio e Germania. Lo ha fatto sapere il ministro della Giustizia Klaas Dijkhoff, intervistato da ANP a margine del summit europeo sui rifugiati tenutosi ieri a Bruxelles.

Secondo Dijkhoff, le misure sarebbero necessarie per “valutare se il flusso di rifugiati è in aumento verso i Paesi Bassi e capire così se i trafficanti di esseri umani stanno battendo nuove rotte”. Non tutti verranno fermati, assicura il ministro, ma aumenteranno i punti di controllo assieme al numero di persone identificate dalle autorità.

Del resto ieri si respirava un clima da Europa ottocentesca nella capitale belga: Germania, Austria, Slovacchia ristabilivano i controlli frontalieri, mentre i ministri dell’Unione discutevano della “redistribuzione” di 160 000 richiedenti asilo, senza però trovare un accordo definitivo.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli