Durante la giornata di sabato, il Ministro degli Affari Sociali e del Lavoro ha annunciato la volontà del governo olandese di rendere accessibili mansioni di volontariato ad un sempre più alto numero di rifugiati. Lo scopo è quello di incentivare l’integrazione degli stessi nella società olandese.

Stando a quanto riporta l’agenzia ANP, il Ministro Lodewijk Asscher ha destinato un milione di euro alla creazione di circa 14 mila attività volontarie rivolte non solo a chi ha già ottenuto lo status di rifugiato, ma anche nei confronti di coloro che hanno avanzato domanda e risiedono nei centri di accoglienza distribuiti lungo il territorio olandese.

Il progetto intende dare a questi ultimi la possibilità di entrare in contatto con la popolazione locale, imparandone la lingua, il modo di vivere e di lavorare. Il programma è stato avviato per il momento a Nijmegen e Utrecht. Nei prossimi anni si prevede la sua estensione ad altri 10 comuni.