Immagine: Youtube/OmroepGelderland

Il tredicenne Tri Pam rischia di essere “rimpatriato” in Vietnam nonostante sia nato e cresciuto nei Paesi Bassi. Il Segretario di Stato di sicurezza e giustizia, Klaas Dijkhoff, ha annunciato la sua espulsione in una lettera al sindaco di Wageningen, dove Tri Pam vive. Così ha riportato il Omroep Gelderland.
Tri Pam è nato a Arnhem ed è cresciuto a Wageningen. I suoi genitori hanno chiesto asilo nei Paesi Bassi, ma la loro richiesta è stata respinta nel 2008 perché le autorità olandesi ritengono che il Vietnam sia un posto sufficientemente sicuro dove vivere. Il ragazzo non ha diritto alla regolarizzazione concessa solo ai minori (la children’s pardon) perché i suoi genitori non hanno ottemperato all’obbligo di registrarsi settimanalmente, come richiesto. Secondo il comune di Wageningen, Tri Pam è sempre stato nel radar del governo e ha frequentato la scuola come qualsiasi altro ragazzo olandese ma a detta del governo, istituzione scolastica e amministrazione locale non avrebbero competenza in materia di rifugiati. Una serie di azioni, tra cui una pagina di Facebook, un flash mob e una petizione online, sono stati lanciati nel tentativo di tenerlo in Olanda. E’ in corso anche una causa legale.
Il sindaco di Wageningen , Geert van Rumund, è sbigottito dalla decisione di Dijkhoff, ha detto l’emittente. “Incredibile che la sanatoria sia gestita in modo così arbitrario”, ha detto, aggiungendo che Tri Pam non è mai neanche stato in Vietnam. “E ‘un paese di cui non conosce gli abitanti e la cultura. Se dovesse essere espulso il suo futuro sarà molto triste.