I giudici della Corte d’appello de L’Aia martedì hanno confermato una decisione del tribunale di primo grado secondo la quale lo stato olandese non può sanzionato per il non raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell’inquinamento stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità ora, ma ha affermato che lo stato deve comunque continuare a progredire per raggiungere quegli obiettivi.

Il caso è stato portato davanti al giudice dall’organizzazione ambientale Milieudefensie, che afferma come lo stato non stia facendo abbastanza per ridurre l’inquinamento atmosferico. In particolare, l’organizzazione sostiene che l’incapacità dello Stato di migliorare la qualità dell’aria non ha solo un impatto sulla salute, ma è una violazione dei diritti umani.

In un commento al verdetto di martedì, Milieudefensie si dice soddisfatta: la corte ha convenuto che lo stato non sta facendo abbastanza per migliorare la qualità dell’aria. “In un’altra causa che abbiamo vinto il governo è stato costretto a cambiare i suoi piani per l’aria pulita”, ha detto l’organizzazione. “Ecco perché la corte ha ritenuto che il governo stia facendo abbastanza. Ma senza il nostro caso giudiziario, lo stato non avrebbe agito.