Il fisco potrebbe aver erroneamente respinto una richiesta di ristrutturazione del debito da 5.000 a 15.000 a migliaia di persone perché erano state inserite nella lista nera dalle autorità fiscali. Così ha scritto alla Kamer il ​​segretario di Stato uscente Vijlbrief.

Tale elenco, il cosiddetto Fraude Signalering Voorziening FSV), è stato interrotto l’anno scorso dopo che si è scoperto che le persone erano state erroneamente inserite e che l’elenco rappresentava una grave violazione della legislazione sulla privacy. L’autorità olandese per la protezione dei dati ha pubblicato un rapporto schiacciante al riguardo il mese scorso e sta ancora indagando se le autorità fiscali possono essere multate.

L’amministrazione fiscale e doganale aveva precedentemente annunciato che l’elenco aveva effettivamente avuto un effetto finanziariamente negativo sul gruppo in questione.

Il rapporto trimestrale ora redatto sul gruppo interessato afferma che la richiesta di ristrutturazione del debito da parte di persone con debiti superiori a 10.000 euro è stata respinta quando erano nella lista. Tutti i file sono ora in fase di rivalutazione.