Solo ad ottobre, 89 russi hanno presentato domanda di asilo nei Paesi Bassi, ha detto giovedì il Servizio di immigrazione e naturalizzazione (IND). Mai prima d’ora dall’invasione russa dell’Ucraina così tante persone dalla Russia avevano chiesto asilo nei Paesi Bassi: alla fine di settembre, il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto la mobilitazione di 300.000 russi da preparare alla guerra e la Russia sale al decimo posto tra i paesi di origine dei richiedenti asilo.

Questi numeri riguardano le prime domande: l’IND non tiene traccia dei motivi per cui le persone chiedono asilo nei Paesi Bassi. A settembre Putin ha chiamato 300.000 riservisti per l’esercito. Questi sono soldati part-time che hanno un altro lavoro oltre all’esercito. Nei giorni successivi all’appello di Putin, miglia di file si sono formate ai confini della Russia per i russi che volevano lasciare il Paese.

Lo scorso marzo, l’IND ha visto anche un numero relativamente elevato di russi richiedenti asilo nei Paesi Bassi: 83. Questo aumento è arrivato dopo l’invasione russa dell’Ucraina alla fine di febbraio. Con sedici domande a gennaio e diciannove a febbraio, c’erano relativamente poche domande di asilo russe nei Paesi Bassi prima dello scoppio della guerra.

Un totale di 455 domande di asilo sono state ricevute quest’anno mentre l’anno scorso non era nemmeno la metà. Attivisti di spicco e persone LGBTQ+ dalla Russia ottengono facilmente l’asilo, dice NU.

Il numero totale di domande di asilo in ottobre è stato di 4.697: questo include ricongiungimenti così come le prime e le ripetute domande di asilo.