Secondo NOS.nl,  il Centraal Orgaan opvang Asielzoekers (COA) sta cercando 1800 posti letto supplementari per i richiedenti asilo. Infatti, sempre più migranti arrivano nei Paesi Bassi e spesso le loro domande non sono elaborate nei tempi stabiliti e le persone sono costrette a risiedere nei centri di accoglienze più a lungo del dovuto. Una volta ottenuto  lo status, molti di loro non possono trasferirsi direttamente in una casa normale a causa della carenza di alloggi.

Anche la Segretaria di Stato, Broekers-Knol, ha espresso preoccupazione per questa emergenza in una lettera alla Tweede Kamer. Fino ad ora non sono state trovate soluzioni adeguate.

L’accusa al governo

 

Secondo Vluchtelingenwerk Nederland, l’associazione che si occupa dell’accoglienza è colpa del governo. Il direttore Abdeluheb Choho , membro di questa organizzazione, afferma che “Non si tratta di cause di forza maggiore, ma di ignoranza”. Secondo lui, il governo non ha più controllo sull’attuazione della politica di asilo.

L’organizzazione aveva già avvertito nel 2018 che sarebbero serviti più spazi se il periodo di attesa per la procedura di asilo non fosse stati ridotto. Secondo Vluchtelingenwerk, 9000 rifugiati sono attualmente in attesa dell’inizio della procedura di asilo.