Ottomila rifugiati e richiedenti asilo devono aspettare troppo a lungo per ottenere il loro numero BSN, il codice fiscale NL. Lo dice De Volkskrant dopo un parere espresso dal Consiglio olandese per i rifugiati. Di conseguenza, non possono prendere casa e anche il lavoro diventa impossibile. Inoltre, aumentano i tempi di attesa a causa degli arretrati del governo, dice NU.

Secondo i dati del ministero della Giustizia si tratta di circa ottomila persone in totale: la grande maggioranza di questi ha aspettato per più di nove mesi, nonostante la documentazione che avessero fosse in ordine.

I richiedenti asilo devono essere registrati nel pubblico registro BRP entro sei mesi dall’arrivo nei Paesi Bassi. Inoltre, ricevono anche il loro BSN, di cui hanno  bisogno per poter entrare nel sistema di welfare.

Senza BSN è difficile aprire un conto in banca e questo ha conseguenze per la ricerca di una casa, tra le altre cose. Inoltre, molti comuni considerano un numero di conto come prova che qualcuno può pagare l’affitto di una casa e allo stesso tempo, senza, è impossibile vedere il proprio stipendio accreditato.

Le lungaggini burocratiche minano alla base anche l’integrazione: i beneficiari devono iniziare a lavorare il prima possibile per  diventare meno dipendenti dal welfare, afferma la ministra degli Affari sociali Karien van Gennip in una lettera alla Camera.