The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

PANDAM

Ribelli e stampate: le zine di Amsterdam sopravvivono a hipster e turisti



di PanDam e Mariam Aguilar

Foto via: Wikimedia    Author: Lindsay Eyink   Licence CC BY 2.0

Chi si aspetterebbe mai di trovare una libreria anarchica in Jodenbreestraat Street, uno dei luoghi più turistici della capitale? Eppure Fort of Sjakoo, uno dei negozi più grandi e longevi del suo genere, pieno di scaffali pieni di pubblicazioni politiche anarchiche, femministe e di sinistra è proprio lì.

Per i dieci volontari che gestiscono la libreria è una missione quella di fornire un rifugio sicuro per riviste, cortometraggi indipendenti e autoprodotti, fuori dai circuiti.
Fort of Sjakoo riceve da tutto il mondo anche zines, quei fogli A4-spesso stampati in bianco e nero- rilegati in maniera casareccia che per almeno tre decenni hanno raccontato, a caso e senza regolarità di pubblicazione, le subculture di mezzo mondo.

Le riceve da paesi europei come Inghilterra, Spagna, Germania e Italia, ma anche da Russia, Nord America e Canada. Fort of Sjakoo ha promosso e sostenuto a lungo la scena zine di Amsterdam: “Ho iniziato a fare zines quando ero uno studente e nessuno, all’epoca, sapeva davvero cosa fosse una zine. Non l’ho mai considerato “auto-pubblicazione”. All’inizio le ho regalate agli amici. Poi ho scoperto che c’erano anche negozi indipendenti a cui poterle spedire per provare a venderle, e così ho fatto ”, spiega Kristen Gehrman di Charleston, USA.

“Fare zines è veramente un atto d’amore”, dice ancora Kristen che ha pubblica dieci zines dal 2007. La sua carriera di traduttrice letteraria non le ha permesso di continuare con la produzione di zine, tuttavia, nel suo tempo libero, ha stampato tra le 50 e le 80 copie del suo lavoro. Le fatiche di Kristen sono di solito micro-fiction, racconti incentrati su un singolo argomento, come la sua pubblicazione a tema “Amsterdam Shorts”. “Boekie Woekie – una libreria per artisti autogestita da un gruppo di artisti di Amsterdam – ha iniziato a vendere le mie riviste molto prima che io fossi mai stata ad Amsterdam. Ricordo di aver sentito parlare del negozio da un amico e ho deciso, di punto in bianco, di inviare loro alcune delle mie fatiche. Mi ha fatto molto piacere quando il proprietario, Jan Voss, mi ha inviato per email alcuni mesi dopo per dire che erano stati tutti venduti e per chiederne di più ”.

Tessel ten Zweege, fondatrice della fanzine Pisswife, descrive un’esperienza simile: “due librerie di Amsterdam sono sempre molto entusiaste di lavorare con noi. Un giorno siamo passati con la nostra zine e abbiamo chiesto “vuoi venderle” e loro hanno detto: Ok “. Pisswife è un collettivo di artiste femminista che organizza eventi sociali e pubblica articoli sul loro sito web. “È per le persone che sono già femministe, quindi non stiamo cercando di convincere nessuno a unirsi alla nostra causa”, afferma Tessel.

L’ispirazione di Tessel per l’apertura di Pisswife è stata una biblioteca femminista che aveva visitato a Londra dove: “c’era un enorme scaffale pieno di materiali a tema femministi”. Convinta che non esistesse una scena del genere ad Amsterdam, Tessel fondò essa stessa la sua zine -Pisswife- una piattaforma in cui le giovani femministe potevano condividere le loro storie. Garantisce che la parte migliore del loro progetto è la libertà che consente in termini di contenuto, sia quando si decide cosa scrivere che cosa includere. Il team è deciso da 15 persone, ognuna con il proprio campo di competenza. Pisswife non pubblica secondo un programma rigoroso ma piuttosto ogni volta che una nuova zine è pronta perché, secondo Tesse, tale pressione comprometterebbe l’autenticità del prodotto.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!