La Corte dei Conti olandese ha fortemente criticato la decisione del governo di acquistare nel 2019 più azioni di Air France-KLM del consentito, affermando che i ministri hanno infranto il “limite di tolleranza” per la prima volta dal 2008. L’ufficio di revisione è incaricato di monitorare le spese del governo e la sua relazione formale al parlamento una volta all’anno. Lo scorso anno il governo ha speso quasi 750 milioni di euro per l’acquisto delle azioni benchè il parlamento non fosse stato informato in anticipo.

Ciò ha reso l’acquisto illegale, ha affermato il revisore nel suo rapporto. Tuttavia, dato che il parlamento ha approvato l’acquisto in seguito non vi è stata alcuna notifica formale nei conti. Il ministro delle finanze Wopke Hoekstra ha dichiarato di non aver deliberatamente seguito le procedure ufficiali perché le informazioni potevano condizionare l’operazione d’acquisto.

Hoekstra ha dato il via libera all’acquisto al fine di “esercitare una maggiore influenza sulla società”, ha detto in quel momento.