I lavoratori provenienti dall’Europa centrale e orientale hanno rappresentato nel 2016 quasi il 5% della forza lavoro nei Paesi Bassi. A sostenerlo è una ricerca svolta dall’agenzia ABU.

Insieme, hanno contribuito con € 11miliardi al reddito nazionale dei Paesi Bassi e senza il loro contributo, le imprese olandesi sarebbero state costrette a spostarsi o adattare la loro produzione, ha detto la ricerca.

Metà delle 371.000 persone dell’Europa centrale e orientale che lavorano nei Paesi Bassi nel 2016 sono state assunte tramite agenzie. “La richiesta di un maggior numero di lavoratori migranti aumenterà solo nei prossimi anni”, ha dichiarato il direttore di ABU Jurrien Koops. “Ciò è dovuto sia alla crescita economica sia al fatto che la popolazione attiva si ridurrà dal 2021.”

Inoltre, i lavoratori migranti svolgono principalmente lavori non specializzati per i quali si fa più fatica a trovare personale olandese. Secondo Koops, non si può parlare di “lavori tolti agli olandesi”.

Tuttavia, occorrerà fare sforzi per assicurarsi che i Paesi Bassi rimangano attraenti per i lavoratori stagionali e temporanei, ha affermato Koops. La carenza cronica di alloggi è un serio problema, ha aggiunto: le case scarseggiano e diverse amministrazioni cercano di limitarne l’accesso ai lavoratori stagionali.

Le condizioni di vita di molti di questi lavoratori non sono buone: spesso vivono in case sovraffollate o nei campeggi.

L’ABU ha chiesto ai comuni di cooperare al riguardo. Agricoltura e orticoltura in serra dipendono fortemente dai lavoratori polacchi, ha detto l’SCP, i. Nonostante abbiano un lavoro e lavorino per lunghe ore, i cittadini polacchi guadagnano in media un terzo in meno degli olandesi e il 17% vive in povertà.

Tuttavia, solo l’1,8% sta sostenendo benefici per il benessere, rispetto al 2,6% della popolazione olandese nel suo insieme.