Il sussidio TONK è stato richiesto molto meno del previsto perché “le regole sono troppo rigide”, scrive NOS. Il nuovo regime di sostegno ha riguardato appena poche migliaia di richieste quando le attese erano per decine di migliaia, afferma Peter Heijkoop dell’Associazione dei comuni olandesi, che è consigliere nel comune di Dordrecht, dice il portale della tv pubblica.

Il TONK è destinato a persone che, ad esempio, non possono permettersi i costi di alloggio a causa della crisi. Dal mese scorso, le persone possono accedere al programma e quindi possono ricevere il sostegno per il periodo da gennaio a giugno 2021. I comuni attuano il programma e sono anche autorizzati a determinare le regole e l’ammontare del sussidio. Il governo ha stanziato per questo benefit, 260 milioni di euro.

La Vereniging Zelfstandigen Nederland (VZN) e il sindacato degli artisti Kunstenbond affermano che è usato così poco perché le regole sono troppo rigide: molti freelance che potrebbero avere i requisiti, non possono usufruirne perché le condizioni sono rigide e le differenze tra i comuni sono molte.

Il primo schema TOZO per i lavoratori autonomi era buono e non prevedeva un requisito di accesso vincolato al partner, si legge nell’articolo. Il TONK doveva essere una soluzione per i limiti del primo sussidio ma ha gli stessi problemi: basta nulla per sforare i parametri.

“In realtà ho bisogno del TONK, ma non posso rivendicarlo”, dice la cantante lirica Charlotte Houberg a NOS. In condizioni normali guadagnerebbe i suoi soldi con le esibizioni, ma ora è ferma a causa del Covid. 

L’importo massimo di TONK che puoi ottenere varia a seconda del comune. A Utrecht, ad esempio, è un massimo di 1500 euro per l’intero semestre. Mentre a Coevorden sono massimo 1000 euro al mese, quindi 6000 euro per l’intero semestre.

I comuni riconoscono che ci sono grandi differenze. “C’è anche un’idea dietro a questo”, afferma Peter Heijkoop del VNG. “A Groningen hai costi di alloggio diversi rispetto a una città come Amsterdam. Quindi non sorprende che la personalizzazione debba essere applicata“.

“I Comuni devono determinare da soli quali regole associargli. Facciamo appello a tutti i Comuni: fatelo con generosità. Cercate di fare del TONK un vero aiuto alla gente, non è stato creato per niente”, afferma il VNG.