The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

L'INCHIESTA PARTECIPATIVA DI 31MAG

Referendum: NO in Italia, SI all’estero. Perchè?

Un voto diametralmente opposto. Lanciamo un appello ai lettori: contribuite alla nostra indagine

L’Italia all’estero avrebbe voluto, a schiacciante maggioranza, la riforma costituzionale. A dirlo sono i dati diffusi dal Viminale, all’indomani della bocciatura del c.d. ddl Boschi. E non parliamo di poche migliaia di elettori ma di un bacino di oltre due milioni di aventi diritto; un terzo di questi, ha poi scelto di esercitare il diritto.

In linea con questa tendenza anche il voto nei Paesi Bassi si è concluso con un 54% degli oltre 12mila voti andati al SI. L’Italia all’estero, e nello specifico i 12mila italiani d’Olanda che hanno partecipato alla consultazione, hanno votato in maniera radicalmente opposta ai concittadini in Italia. Perchè? Per quale ragione, a nord delle Alpi ma anche ad Ovest -ma non ad Est dove ha prevalso il NO- gli italiani espatriati hanno promosso la riforma? Hanno inciso le diverse aspettative sul futuro; il tenore di vita oppure la distanza dalla pesante polarizzazione che si è accompagnata alla campagna referendaria?

Qualunque sia la ragione, o qualunque siano le ragioni, il dato è di grande interesse e richiederebbe uno studio.

Noi di 31mag, lanciamo allora un’inchiesta “partecipata”: cerchiamo di capire insieme, e senza pregiudizi, quale può essere il motivo di una forbice tanto ampia tra i risultati. Una risposta esaustiva potrebbe darla solo un’indagine condotta con metodo scientifico ma noi, nel nostro piccolo, abbiamo la possibilità di raccogliere le opinioni correnti di chi vive in un ambiente “asettico” rispetto all’arena politica italiana e potrebbe, il condizionale è d’obbligo, aver preso decisioni diverse rispetto a concittadini che vengono da un contesto socio-culturale simile ma non si sono mossi dall’Italia.

La nostra indagine, come abbiamo già chiarito, non ha alcuna pretesa di scientificità ma intende raccogliere la prospettiva di chi si è trovato a decidere le sorti della riforma costituzionale, pur vivendo in una realtà molto diversa rispetto a quella italiana.

Per fare questo, invieremo a chi vorrà partecipare un questionario con 8 domande -si compila in fretta- che vi chiediamo di rimandarci entro il 15 dicembre. La nostra metodologia seguirà -esclusivamente- il trend delle risposte, cercando di fotografare il complesso processo decisionale di chi non vive una realtà ma deve ricostruirla a distanza.

Chi volesse partecipare, può inviarci una mail a info@31mag.nl , noi provvederemo a girarvi il questionario. Il lavoro sarà pubblicato tra il 19 e il 24 dicembre.

 

Importante: la nostra “inchiesta partecipativa” non ha come oggetto il referendum, se non in via incidentale. Non siamo interessati al contenuto, all’esito o allo scontro politico che ne è scaturito ma esclusivamente all’analisi delle tendenze e delle opinioni.