Photo: Alberto Biscalchin Source: Flickr License: CC 2.0

La proposta di  referendum abrogativo sull’eutanasia promosso dall’Associazione Luca Coscioni, che legalizzerebbe – di fatto- la dolce morte in Italia, può essere firmata anche dagli italiani residenti all’estero fissando un appuntamento presso il consolato:

“Si avvisano i connazionali che per firmare per il Referendum Eutanasia Legale è necessario fissare un appuntamento scrivendo una email a: denhaag.consolare@esteri.it

Perché la richiesta sia valida, inoltre: “Nella comunicazione di richiesta di un appuntamento è necessario indicare i propri dati anagrafici completi per consentire a questa Sede di effettuare i dovuti controlli dei requisiti di iscrizione all’AIRE e nell’ultima lista elettorale”

Il quesito, promosso da diverse associazioni, recita quanto segue: “Volete voi che sia abrogato l’art. 579 del codice penale (omicidio del consenziente) approvato con regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398, comma 1 limitatamente alle seguenti parole «la reclusione da sei a quindici anni.»; comma 2 integralmente; comma 3 limitatamente alle seguenti parole «Si applicano»?”

Sul sito dell’Ambasciata a Den Haag si legge ancora: “Compatibilmente con il rispetto delle norme sanitarie che impongono il distanziamento sociale sara’ possibile ricevere i sottoscrittori solo ed esclusivamente il lunedì e il giovedì dalle 14:00 alle 16:00 fino e non oltre la scadenza di giovedì 9 settembre 2021 ore 16:00 all’indirizzo: Parkstraat 28, 2514 JK Den Haag.”