Una vera valanga: nessuno degli organizzatori si sarebbe aspettato che il referendum per la cannabis riuscisse a superare le 250mila firme in appena 72 ore. Il traguardo di 500mila entro il 30 settembre sembra, a questo punto, ben a portata di mano. 

Se le 500mila firme saranno raggiunte in tempo, dopo il vaglio di Cassazione e Corte costituzionale, la consultazione si terrebbe a primavera 2022 con gli altri referendum in campo: eutanasia legale e giustizia.

La possibilità di firmare anche online (con strumenti certificati) ha reso rapida la possibilità di sostenere i quesiti e sta svolgendo, in queste ore, il ruolo di vero e proprio esperimento sociale: addio cari banchetti, da ora raggiungere il tetto di firme potrebbe essere facile come non mai. Possono firmare, con lo stesso sistema, anche i cittadini italiani residenti all’estero, confermano a 31mag i promotori dei quesiti.

E la stessa democrazia diretta potrebbe subire un’inattesa accelerazione.

Il quesito, promosso dalle associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Antigone, Società della Ragione,   votabile online sul sito dedicato tramite Spid o altri strumenti di firma digitale, punta a “spogliare” l’attuale normativa sugli stupefacenti delle sanzioni per il consumo, disarcionando l’impianto legislativo del dpr 309/’90 già ammorbidito con il referendum del ’93.

Per firmare, segui le istruzioni qui

Qualora raggiunga le firme e passi il vaglio della Corte Costituzionale, il quesito sulla scheda sarà il seguente:

“Volete voi che sia abrogato il Decreto del Presidente della Repubblica del 9 ottobre 1990, n. 309, avente ad oggetto “Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza“, limitatamente alle seguenti parti:

Articolo 73, comma 1, limitatamente all’inciso “coltiva”;

Articolo 73, comma 4, limitatamente alle parole “la reclusione da due a 6 anni e”;

Articolo 75, limitatamente alle parole “a) sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni?

Per firmare online è necessario attivare uno Spid