The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Red Light Radio: musica in vetrina ad Amsterdam [Videostoria]

di Francesca Spanò

Video making Martina Bertola

Come in quella particolare tecnica di racconto che si chiama digressione – per cui si parte da un punto della storia e si torna indietro a raccontarne le origini – torniamo ora e dopo qualche settimana al Red Light Complex, per ascoltare, dalla bocca di chi l’ha fondato, come è nato.

È la Red Light Radio, che si affaccia su Oudekerksplein da una vetrina, dove una volta si trovavano solo lavoratrici del sesso, ad esser stato il primo locale ad aprire all’interno del complesso, sfruttando il Progetto 1012 lanciato dal comune di Amsterdam a partire dal 2008.

Abbiamo aperto la radio cinque anni fa“, racconta Orpheo, che insieme a Hugo ha dato vita al Complex. “Volevamo mettere su un’attività insieme ai tantissimi amici con belle collezioni di dischi in vinile”.

La Radio si mantiene con l’affitto dei locali del Complex ad altre attività creative. A ospitarci (in vetrina) è il selectah Radical Hifi, al secolo Lorenzo Milelli, romano che da quattro anni tiene una trasmissione mensile di musica reggae. “Oggi il tema della puntata è the lovers special”, racconta apprestandosi a mettere il primo pezzo.

Mentre parliamo e Lorenzo si muove tra vinili, mixer e cuffie, i più curiosi si fermano a sbirciare sorpresi di non trovare una donna in vetrina. “Spesso dicono, che succede qua?“, ride divertito Lorenzo.

We are on the air“. Sono le 13.00 in punto: non resta che ascoltare (e guardare).


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!