La popolazione in difficoltà dello Yemen riceve pochi aiuti umanitari a causa delle pessime condizioni dei porti, dice Rijnmond, sulla base di un rapporto che l’autorità portuale di Rotterdam ha scritto per conto delle Nazioni Unite (UNDP) e della Netherlands Enterprise Agency, scrive Rijnmond.

La guerra che infuria in Yemen dal 2015 ha gravemente danneggiato i porti, provocando un drastico calo della loro capacità perchè il 90% delle merci arriva via mare. Inoltre, la capacità è diminuita drasticamente a causa della mancanza di manutenzione perché mancano le conoscenze specialistiche.

Nel 2019 e alla fine dello scorso anno, i dipendenti dell’Autorità portuale di Rotterdam hanno eseguito un’analisi dei danni e della capacità nei porti di Aden, Hodeidah, Salif, Ras Issa e Mukalla. Nel loro rapporto, affermano che la guerra e i problemi degli attracchi stanno conducendo a enormi ritardi nella consegna dei soccorsi e all’aumento dei prezzi per tali rifornimenti. A causa della stagnazione, ma anche a causa della corruzione, cibo, carburanti e medicinali stanno diventando sempre più scarsi.

Sarebbero 50mila gli yemeniti sotto la soglia di sussistenza: c’è carenza di cibo, ma oltre a questo, le derrate alimentari sono diventate inaccessibili per molte persone. L’ONU teme che quest’anno più di 16 milioni di persone nello Yemen dovranno affrontare carestie e ciò equivale a circa metà della popolazione.

“A causa della mancanza di infrastrutture nello Yemen, le navi devono scaricare prima in Arabia Saudita o Gibuti, dove viene controllato il carico. Solo allora le merci verranno trasportate nello Yemen. Ciò significa raddoppiare i costi di trasporto di ogni container di merci di soccorso. “, dice Auke Lootsma, coordinatore dell’UNDP nello Yemen. “Inoltre, le compagnie di navigazione pagano premi assicurativi altissimi. A causa della guerra, i premi sono sedici volte più alti che in altri porti”.

Secondo il rapporto dell’Autorità del porto di Rotterdam, più navi possono scaricare i loro rifornimenti di soccorso in modo sicuro e più veloce se venissero effettuati investimenti nella riparazione e manutenzione dei porti danneggiati. Sono necessari anche pezzi di ricambio e conoscenze specialistiche.

Ma il problema principale è che lo Stato in frantumi non ha controllo sugli scali.  Con le conclusioni del rapporto di Rotterdam, dice Rijnmons, l’ONU chiederà alle autorità di ridurre i costi di importazione del cibo e di facilitare l’arrivo di conoscenze e competenze.