Pic: Mara Noto

Questa mattina la polizia e la FIOD, la Guardia di Finanza olandese, hanno fatto irruzione in una casa a Heeswijk-Dinther che secondo Omroep Brabant sarebbe l’abitazione del CEO di Jumbo Frits van Eerd. Perquisizioni sono in corso anche in altre aree del Paese a causa di un’ampia indagine sul riciclaggio di denaro, riferisce il Pubblico Ministero.

L’OM per il Noord Holland ha ordinato le perquisizioni ma non ha confermato se effettivamente l’abitazione sia quella di Van Eerd.

L’ufficio del Pubblico Ministero afferma che fornirà ulteriori informazioni più avanti nella corso della giornata. Jumbo rimane in silenzio ma secondo una fonte del Financieele Dagblad, c’è stata un’irruzione nella sede centrale del gruppo a Veghel.

Un giornalista di Omroep Brabant che si trova sul posto dice che ci sono dozzine di investigatori FIOD e della polizia dentro e intorno alla casa e che avrebbero portato via degli scatoloni.

Questa mattina, dice NOS, è stato arrestato un uomo di 58 anni di Aa en Hunze (Drenthe): è sospettato di coinvolgimento nel riciclaggio di ingenti somme di denaro e beni e di frode IVA. Inoltre, otto sospetti sono stati arrestati da Drenthe e nel Brabant. Non è noto se Van Eerd sia tra i detenuti.

Secondo il Pubblico Ministero, sono attualmente in corso perquisizioni in varie abitazioni e sedi di attività commerciali nelle province di Groningen, Drenthe e Brabant. Il riciclaggio di denaro sarebbe avvenuto attraverso transazioni immobiliari, commercio di auto, depositi di denaro e contratti di sponsorizzazione sportivi., secondo il Pubblico Ministero.