NL

NL

Al Radboudumc di Nijmegen sviluppano AI che individua dal volto disturbi nei bambini

Radboud University Nijmegen Medical Centre (UMC St Radboud), CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

I ricercatori del Radboudumc a Nijmegen hanno sviluppato un modello informatico che riconosce disturbi e sindromi rare nei bambini, utilizzando anche il volto del bambino come parametro. L’algoritmo è stato addestrato a riconoscere sindromi rare basandosi su caratteristiche facciali e fisiche, come la posizione degli occhi o del naso.

Bert de Vries, leader della ricerca e genetista clinico presso il Radboud UMC, dice NOS, ha affermato che molte disabilità  sono accompagnate da caratteristiche fisiche, ma spesso i medici non hanno abbastanza esperienza per riconoscerle. Per risolvere questo problema, sono state sviluppate due diversi “moduli” che utilizzano l’algoritmo per riconoscere queste sindromi rare. L’algoritmo è stato testato su circa quaranta sindromi diversi e ha dimostrato di funzionare efficacemente nella maggior parte dei casi.

L’obiettivo principale di questa tecnologia è il rilevamento precoce di disturbi nei bambini, in modo che possano ricevere cure adeguate e tempestive. Il Radboudumc mette il modello informatico a disposizione di medici e ricercatori, ma sottolinea che la diagnosi finale rimane responsabilità del medico curante.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli