The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Questione Uiguri, duello alla camera olandese. Il governo non vuole incrinare le relazioni con la Cina



Pic credit: Malcolm Brown, via Wikipedia  Licence: Attribution-Share Alike 2.0 Generic

 

La maggioranza dei parlamentari  ritiene vadano imposte sanzioni contro  Cina per la repressione, la detenzione e il maltrattamento degli Uiguri. I partiti ritengono necessarie sanzioni più severe e chiedono al governo cosa sia possibile fare per questa situazione, riporta NOS.

È emersa una grande preoccupazione in un dibattito a riguardo. “È spiacevole celebrare qui i 75 anni di liberazione mentre gli Uiguri affrontano quotidianamente l’oppressione”, ha detto Tuhnan Kuzu, leader del partito multietnico Denk. “Non dobbiamo stare zitti e guardare”.

“La Cina è colpevole di detenzione di massa e della scomparsa di 1 milione di persone nei campi. È difficile immaginare che siano stati strappati dalle loro famiglie e dai loro cari dal loro villaggio o città”, ha affermato la deputata Ploumer del PvdA.

La camera ha contestato l’atteggiamento del governo, ritenuto troppo morbido con la Cina. I documenti riportati nel New York Times alla fine dell’altro scorso non lasciano spazio per l’incertezza in merito alla sistematica oppressione cinese nei confronti degli Uiguri.

Contrariamente a quanto letto nei documenti, il governo di Pechino ha sempre sostenuto che i campi nella regione occidentale dello Xinjiang siano luoghi di formazione. Van Helvert, deputato del CDA ha affermato: “Quando ci sono ingenti interessi economici con un paese è difficile trovare spazio per discussioni riguardanti la violazione di diritti umani. Se questi interessi non ci sono, come in Siria, allora non esitiamo a condannare. È la follia della geopolitica”.

Ma il governo non concorda: chiede tempo sostenendo che la questione è complessa e non può essere limitata ad una lista nera di aziende cinesi.

 






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!