CULTURE

CULTURE

Quattro storie per parlare del Sudafrica oggi

Questa sera Dutch Culture organizza un incontro al Pakhuis de Zwijger per parlare della trasformazione sociale orientata verso un’identità e una società più equa che sono i temi centrali dello scambio culturale tra Paesi Bassi e Sudafrica, con una particolare attenzione rivolta ai giovani come prossimi leader. Le attività culturali permettono di raccontare storie da vari punti di vista, arricchendo così il dibattito pubblico sul passato, il presente e il futuro. In che modo i giovani artisti in Sudafrica riflettono sulla società attraverso la cultura? All’evento esperti sudafricani si scambiano idee sull’identità, l’integrazione e la convivenza. Un confronto tra di loro e il pubblico permette di evidenziare le opportunità di cooperazione culturale con il Sudafrica.

Lebohang Tlali è un fotografo, insegnante, project leader e curatore in Sudafrica e in Europa. Negli ultimi anni si è concentrato sempre più sull’educazione e su progetti artistici inclusivi. Attualmente il suo lavoro è esposto allo Stedelijk Museum di Amsterdam.

Lee-Ursus Alexander è curatore e creatore, artista di parole e soprattutto un ‘afrikaans’. Cresciuto nel Sudafrica post – apartheid, tra le sfide socio-economiche e le offerte della cultura di strada, il rap e la cultura hip hop, che diventata una sorta di meccanismo di guida alla sopravvivenza del ghetto. 

Jay Pather è il direttore artistico di Afro_Vibes Festival in Olanda e curatore di Infecting the City Festival. Quest’ultimo porta performance e arti visive gratuite e socialmente impegnate negli spazi pubblici di Città del Capo.

Neo Matloga nel 2018 ha vinto il Royal Award for Modern Painting. La giuria lo ha definito un cantastorie con coraggio. Neo Matloga ha appena avuto la sua prima mostra personale al Fries Museum. Lavora con il disegno, la pittura e il collage per realizzare grandi opere a tecnica mista su carta o tela, raffiguranti scene domestiche che catturano i ricordi della vita quotidiana durante l’infanzia dell’artista in Sudafrica. 

SHARE

Altri articoli