Tiia Monto, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Le catene Decathlon e H&M non hanno adeguatamente informato i consumatori sulla sostenibilità dei loro prodotti. Questo è ciò che afferma l’Autorità olandese per i consumatori e i mercati (ACM), dice NOS. Entrambe le società stanno ora escogitando una soluzione da sole, motivo per cui l’autorità di regolamentazione non impone per ora alcuna sanzione.

L’ACM ha analizzato molte dichiarazioni di sostenibilità potenzialmente fuorvianti nel settore dell’abbigliamento e si è rivolto alle aziende di conseguenza. Decathlon e H&M offrono prodotti con termini generici come ‘ecodesign’ e ‘consapevole’, ma secondo l’ACM non forniscono ulteriori spiegazioni in merito e devono farlo.

Decathlon e H&M promettono di informare i consumatori in modo più chiaro d’ora in poi per evitare il rischio di essere fuorviati sulla sostenibilità. Inoltre, doneranno rispettivamente 400.000 e 500.000 euro a varie cause sostenibili per riparare le loro affermazioni di sostenibilità poco chiare e insufficientemente motivate, riferisce l’autorità di regolamentazione.

“I consumatori che vogliono fare scelte sostenibili devono poter confidare nella correttezza delle affermazioni che le aziende fanno sui loro prodotti o sul sito. Siamo lieti che le aziende riconoscano che avrebbero dovuto informare in modo più chiaro sulla sostenibilità dei loro prodotti e che hanno fatto varie affermazioni sulla sostenibilità e ne hanno adattato la fondatezza”, afferma Cateautje Hijmans van den Bergh, membro del consiglio di ACM, dice NOS.

Nei prossimi anni, ACM verificherà se Decathlon e H&M rispetteranno gli impegni presi.

E’ in corso un’indagine anche su altre quattro aziende di abbigliamento che sono attive nel mercato olandese, ma non hanno una sede nei Paesi Bassi ma ACM non vuole rivelare i loro nomi.