Se i provvedimenti non produrranno un’inversione di tendenza nella curva di contagi, ha detto il premier durante la riunione del governo nella sua residenza, saranno “misure draconiane”, ha riferito NOS sulla base di sue fonti.

Cosa significa? Sarà un lockdown completo oppure una variante di quello della primavera? Il riferimento che abbiamo per immaginare le conseguenze di simili misure è la “roadmap” presentata dal governo di recente: al momento siamo al livello 3, quello successivo, il 4 -l’ultimo- significa lockdown. Ma all’olandese: sarà ancora possibile uscire ma con gruppi minimi di persone.  

A livello 4, tutto ciò che è intrattenimento (anche se, per molti, è lavoro) dovrà chiudere. I negozi, teoricamente, sono esclusi dal livello 4 anche se molti, con poca clientela, hanno comunque abbassato la saracinesca.

Secondo NOS, il capitolo “coprifuoco” è il più delicato: alla popolazione olandese non piace venga usato questo termine perchè richiama la Seconda guerra mondiale. Ma secondo l’epidemiologa Patricia Bruijning, l’unico modo per evitare che le chiusure dei locali si convertano in feste e riunioni a casa, è proprio con il coprifuoco.

Le scuole, nella versione “draconiana” del lockdown, saranno probabilmente colpite da chiusure o restrizioni: le elementari rimarranno aperte ma per l’istruzione superiore, le lezioni andranno -probabilmente- online.

La tabella di marcia non è molto concreta su questo punto, aggiunge NOS: dice solo  “attenzione specifica all’istruzione secondaria superiore” in caso di blocco. Secondo Patricia Bruijning, sarebbe comunque una buona cosa rendere le scuole secondarie più concentrate sul “distanziamento sociale”. Le case di riposo non chiuderanno più ai visitatori in maniera generalizzata mentre lo stop allo sport sarebbe totale -ma consentito agli under 18- con l’eccezione di quello professionistico.