I boeren hanno compiuto una nuova azione venerdi sera nel consiglio provinciale del Brabante a Den Bosch, dopo quelle della scorsa settimana. In serata diversi agricoltori bloccavano ancora l’ingresso e l’uscita del consiglio che stava discutendo le norme sulle emissioni di monossido di azoto.

Gli attivisti di Farmers Defence Force (FDF) con i loro trattori e altri veicoli hanno bloccato gli ingressi e le uscite dell’edificio dal pomeriggio mentre la polizia in tenuta antisommossa ha impedito ai trattori di avanzare. Stando a NOS, la situazione è stata tesa a lungo e il commissario provinciale della corona, Wim van de Donk ha chiesto che il blocco venisse revocato. 

Migliaia di boeren hanno stazionano a Den Bosch da ieri mattina. La manifestazione è stata organizzata dall’associazione di agricoltori ZLTO e stando al corrispondente di NOS è stata tranquilla fino alla sera, quando la discussione si è spostata sulla questione dell’adattamento dei sistemi abitativi per ridurre le emissioni. In molti non hanno condiviso i termini rigidi che il consiglio sembrava aver accolto e il rischio, per molte aziende agricole, di doversi adeguare in fretta.