Un procuratore ha perso, a Utrecht, decine di pagine contenenti informazioni molto delicate su un caso di droga. Copie di questi documenti stanno ora facendo il giro della città. Una fonte anonima ha condiviso i documenti originali in rete.

Le pagine scritte a mano contengono rapporti di conversazioni e osservazioni su un grosso caso di droga che coinvolge diversi membri della stessa famiglia olandese-marocchina di Utrecht. I documenti trattano dettagliatamente il commercio di stupefacenti di tre uomini in famiglia. Contengono anche nomi, indirizzi, numeri di telefono.

Quattro membri della famiglia sono attualmente in custodia per traffico di droga, riciclaggio di denaro e partecipazione ad un’organizzazione criminale. Sono stati arrestati il ​​21 febbraio di quest’anno. Una donna sospettata è stato rilasciata inizialmente, ma successivamente  è stata arrestata di nuovo per aver violato i termini del suo rilascio.

Il pubblico ministero ha risposto in una dichiarazione: “Questo non sarebbe dovuto accadere: il procuratore è colpevole ed è stato ammonito dal suo supervisore, informerà gli avvocati e la corte e dovrà scusarsi”.

L’avvocato Anis Boumanjal, che difende uno degli indagati: “La privacy del mio cliente è stata violata in larga misura. Naturalmente, non credo che questo sia stato fatto con malizia, ma sicuramente si tratta di un caso di negligenza”. Discuterà le conseguenze e le prossime tappe con il suo cliente.

La prossima udienza dei sospettati è prevista per il 15 agosto. Precedentemente sono apparse in tribunale il 24 aprile.