The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

RIGHTS

Privacy, via libera a database della polizia per il riconoscimento facciale. Ngo critiche

Le forze dell'ordine tracceranno anche i richiedenti asilo con un'ordine d'espulsione pendente



La polizia olandese ha iniziato a utilizzare la tecnologia di riconoscimento facciale per identificare i sospetti, dice l’emittente televisiva NOS. La tecnologia sarà usata per identificare le persone la cui fotografia è già inclusa nel database della polizia . La banca dati è costituita da fotografie di persone che sono state in carcere per almeno un anno o che sono sospettate di aver commesso un reato passibile di una pena di almeno un anno.

Le foto di persone che sono innocenti, probabilmente verranno rimosse ma non è chiaro quanto velocemente ciò possa accadere, dice NOS. Il sistema sarà utilizzato per confrontare le fotografie dei sospetti scattate dalle telecamere di sicurezza e da quelle installate sulle divise degli agenti.

Un secondo database conterrà le fotografie dei rifugiati, di coloro ai quali è stato negato l’asilo e che devono essere espulsi. Ma a quest’ultimo database, si potrà accedere solo con il via libera del magistrato. Preoccupazione dall’associazione Bits of Freedom: le forze dell’ordine conserveranno le informazioni anche di gente innocente. Il professore di diritto Nico van Eijk, ha detto all’emittente di essere preoccupato per misure adottate con un fine e poi utilizzate per un altro.

Ad esempio, quando venne approvata la norma che consente di registrare le targhe dei veicoli, lo scopo era di poter monitorare il transito di criminali. Ora, però, si parla di conservare quei dati per settimane; anche se non strettamente legati con crimini compiuti.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!