“L’Olanda è un paese solido ma le condizioni di prosperità dovrebbero essere condivise da più persone”, ha detto il re Willem-Alexander martedì, nel suo intervento al Parlamento in occasione della presentazione del budget 2019.

Nell’intervento, il sovrano ha ricordato che l’Olanda è stata liberata 75 anni fa e che la democrazia, la sanità e l’istruzione sono i fattori che hanno contribuito alla prosperità odierna.

‘I valori economici sono positivi e nel 2019 l’economia crescerà per il sesto anno consecutivo. Questo è quindi il momento di decidere quale direzione dovremmo prendere‘, ha detto il re. ”

Più persone dovrebbero beneficiare della congiuntura positiva dell’economia, ha detto ancora Willem-Alexander.  “Dove le cose vanno meno bene, il governo deve intervenire. Ciò non può essere fatto con un singolo programma o con un atto del Parlamento, dal momento che una società unita agisce a tutti i livelli di governo”, ha proseguito il sovrano.

Il sistema di integrazione sarà revisionato e i rifugiati saranno incoraggiati ad imparare l’olandese e a lavorare. I sistemi di congedo di paternità e maternità saranno ampliati, il sistema fiscale riformato e la tassa sui dividendi sarà abolita “per rendere i Paesi Bassi più attraenti per le grandi e le piccole imprese.”

“Miriamo a premiare le attività commerciali genuine e ad accogliere solo quelle società che contribuiscono alla nostra economia. Saranno quindi presi provvedimenti per combattere i meccanismi di elusione fiscale come le società di comodo “, ha continuato il re.

In termini di Europa, il re ha detto che il 2019 sarà un “anno intenso” con la nomina di una nuova Commissione europea e di una “Brexit imprevedibile”. “Il governo olandese continuerà a promuovere un’agenda positiva per un’Europa migliore che si concentri sull’essenziale e mangenga i suoi accordi”, ha affermato.

‘Insieme abbiamo bisogno di stringere il mercato unico e rafforzare la moneta unica. Insieme dobbiamo difendere lo stato di diritto. “. “È nell’interesse dei Paesi Bassi che l’Europa continui a stare in piedi collettivamente per il libero scambio e contro la minaccia di dazi e altre barriere commerciali.” Il governo riconosce inoltre che con soli 76 seggi, non può contare su un ampio sostegno.

“Ma nei Paesi Bassi abbiamo una lunga tradizione di lavoro in comune, passo dopo passo”, ha concluso il sovrano.

Leggi il discorso integrale in inglese