Le proteste di ieri lungo il percorso della cerimonia hanno avuto un impatto sulla Kamer: tutti i partiti parlano di  mancanza di fiducia tra molti cittadini. Presto seguiranno le considerazioni politiche generali, che tradizionalmente seguono Prinsjesdag.

“Preoccupazione”,   ha detto ieri il re sulla poca fiducia che le persone hanno nella capacità del gabinetto di risolvere i principali problemi. Lo stesso Primo Ministro Rutte ha definito “molto male”, ma “non chiede” la fiducia. “Il mio obiettivo è quello di risolvere i problemi ora, il mio obiettivo non dovrebbe essere: diventare popolare. In tal caso starei lavorando alle priorità sbagliate”, ha detto all’agenzia di stampa ANP.

Altri partiti di opposizione credono che Rutte non sia la persona giusta per affrontare tutte le crisi con cui il paese sta lottando. Anche con argomenti come la crisi climatica e l’accoglienza dei richiedenti asilo, il governo non ha più il controllo, credono. Parti di opposizione da sinistra a destra sono d’accordo: il gabinetto Rutte non funziona. Il governo, scrive NOS, capisce i problemi  ma sottolinea che i piani per il prossimo anno ridaranno fiducia, a cominciare dal pacchetto da miliardi di dollari che deve intervenire sulla perdita di potere d’acquisto.

“Troppo poco e troppo tardi”, dicono quasi tutti i partiti dell’opposizione. PVDA e Groenlinks, laburisti e verdi, presenteranno una loro proposta economico finanziaria:  redditi più bassi ottengono di più, mentre le grandi aziende  vengono colpite maggiormente.

In totale, i partiti vogliono spendere 18 miliardi di euro per mantenere il potere d’acquisto ma le ricette sono diverse: Attje Kuiken e Jesse Klaver, leader laburista e verde, il gabinetto opta principalmente per le misure di emergenza, mentre loro vogliono fornire un supporto molto più strutturale. Inoltre, i due partiti vogliono il salario minimo a 14 euro l’ora mentre il gabinetto lo portera’ solo a 11 euro: “I Paesi Bassi sono abbastanza ricchi da proteggere le persone dalla povertà, se distribuiamo la prosperità in modo più equo”, dicono Pvda e Groenlinks. Oggi parleranno i leader dei partiti, domani il primo ministro Rutte risponderà alle domande del Parlamento per conto del gabinetto.